HomePage MotoBlocchi

Foto della manifestazione di Sabato 13 Dicembre 2003
Agosto 2004

ATTENZIONE!

Hanno riattivato i blocchi del traffico!

Vedere qui

Per fortuna si sono ricordati delle moto a 4T, che sono state derogate.

Con un pizzico di immodestia spero di aver avuto un minimo peso sulla cosa, nel senso che gia' il giorno dopo la pubblicazione della notizia (primi di agosto) avevo mailato Regione, Provincia, Comune e giornali vari ;)

Tenete comunque conto che quest'anno e' ancora piu' stupido e inutile attivare i blocchi giacche' da ottobre 2004 NON SARA' PIU' POSSIBILE RISCALDARE A GASOLIO! Quindi la VERA SORGENTE (piu' della meta') del PM10 e' stata GIA' eliminata alla fonte. Inoltre durante tutto il 2003 e 2004 la soglia di guardia del PM10 NON E' MAI STATA SUPERATA (cfr. monitoraggio), figuriamoci togliendo i riscaldamenti a gasolio... quindi e' inutile accanirsi contro quei pochi veicoli a benzina non-kat rimasti, CHE PERDIPIU' NON EMETTONO PM10 (cfr. DatiARPA)!!!

Inverno 2003

Qui di seguito il risultato della lotta dell' anno scorso!

Traffico e inquinamento: il buon senso prende piede!

I mesi di lotta hanno dato i loro frutti.

La Regione Lombardia finalmente comprende le nostre ragioni e deroga tutti i motoveicoli a 4 tempi pre-Euro1!

{vedere http://www.ambiente.regione.lombardia.it/webqa/emergenza/soggetti_esclusi_new.htm e
http://www.atrent.it/motoblocchi/mozioni/DeliberaMoto.pdf  nella rassegna}

Hanno rilevato sperimentalmente la veridicita' di cio' che abbiamo sempre detto: le moto aiutano a snellire il traffico e bloccandole, durante tutto il mese di novembre 2003, e' aumentato il numero di auto in circolazione (poiche' chi possiede entrambi i mezzi ha quasi certamente l'auto Euro1 o superiore e la moto pre-Euro1, a causa dei circa dieci anni di divario fra le entrate in vigore delle norme Euro per auto e moto). Inoltre hanno in parte riparato alla stortura evidenziata in: http://www.atrent.it/motoblocchi/DatiARPA.pdf

D'ora in poi tutte le moto a 4 tempi potranno circolare liberamente!

I possessori di quei pochi 2T pre-Euro1 (che, ricordiamo, comunque influiscono sull'inquinamento per meno del 1%, cioe' di fatto non hanno effetto alcuno) ormai rimasti in circolazione continueranno invece a usare l'automobile...

Il nostro lavoro di raccolta di documentazione tecnica, di divulgazione, di raccolta firme e di manifestazione di piazza ha avuto un primo effetto.

Ora attendiamo le altre iniziative: la battaglia contro l'inquinamento, che condividiamo appieno, deve continuare. Ci sono ancora i riscaldamenti da ripulire (specie gli edifici riscaldati a carbone!), il servizio pubblico da potenziare e da rendere piu' vantaggioso per gli utenti, ma soprattutto si puo' lavorare molto sull'aggiornamento mediante retrofit di molti veicoli (ad es. proprio i 2T). Inoltre sarebbe opportuno attivare adeguati "incentivi economici all'acquisto" anche per i motoveicoli.

In ogni caso la nostra battaglia non si esaurisce con questo primo risultato e continuera' almeno fino a quando le autorita' regionali accetteranno di riceverci ed ascoltare le nostre proposte. E gradiremmo, in futuro, essere inclusi nella lista dei "rappresentanti di categoria" da consultare in caso di provvedimenti riguardanti gli utenti delle due ruote a motore.

Il Coordinamento Motociclisti desidera ringraziare: Riferimenti e notizie su questa battaglia:
http://www.atrent.it/motoblocchi

Coordinamento Motociclisti
Associazione di utenti delle 2 ruote
Sede legale: Via G. Chiasserini, 11 - 00136 Roma
Tel. e Fax 06.582.011.77 - Cell. 348.870.9944 (R. Forte)
E-mail: info@cmfem.it - Internet: http://www.cmfem.it